Il porno-souvenir: quando lo spettatore diventa protagonista

I sogni son desideri, ma alle volte si avverano.
Ci riferiamo all’ultima, geniale invenzione del mondo del sesso: il porno-souvenir.

Avete una pornostar del cuore? Quella di cui nascondete le foto sul cellulare o di cui conoscete a memoria tutti i film?
Ebbene, da oggi è possibile godere dal vivo della sua compagnia: diventare, per capirci, il suo compagno di giochi durante le riprese di un video a luci rosse. Pagando il dovuto, naturalmente.
Si tratta dell’ennesima trovata del versatile porno low-cost, incoraggiata dal fallimento del mercato homevideo e delle megaproduzioni, a causa dei siti hard da cui scaricare gratuitamente video e filmati di ogni genere e categoria.

Per superare la crisi imperante nel mercato, attrici e produttori hanno infatti dovuto reinventarsi. Ecco, quindi, il nuovo “servizio” offerto all’affezionato cliente: il porno “fai da te” con l’attrice hard preferita, nelle vesti di coprotagonista. Sono diverse le professioniste del settore disponibili in tal senso, soprattutto escort; basta ricercare i loro profili qui e attenersi alle “istruzioni” indicate.

Esistono diverse tariffe, in base al tipo di performance richiesta e ai diritti esercitati sul video da girare: se quest’ultimo rimane di proprietà della pornostar, che lo diffonderà, per esempio, a pagamento sul proprio sito, il costo sarà più basso e si limiterà a coprire le sole spese di produzione (i film vengono sempre girati alla presenza di operatori professionisti e in studi televisivi ad hoc). Se il cliente preferirà avere la piena proprietà del video, invece, gli verrà chiesto di sborsare una cifra maggiore, conquistandosi così la soddisfazione di portarselo dritto a casa e rivederlo nei momenti di nostalgia. O in goliardiche serate con gli amici, a seconda dei gusti. La presenza di due o più ragazze, è ovvio, alza ulteriormente l’ammontare del cachet.

Inutile dirlo, la novità del porno-souvenir ci riscoprirà ancora più amanti della grandiosa arte del cinema.

0 comments

No comments yet

Leave a Reply